Social che passione: quando pubblicare i contenuti (Parte #1)

 In Social

Scrivere testi per i social network (se clicchi puoi vedere la nostra pagina aziendale di All You) non è una cosa né semplice, né banale. Ogni giorno veniamo continuamente bombardati da messaggi nelle nostre bacheche e anche da mail e spam in posta elettronica. Ma con un po’ di pratica e col rispetto di alcune regole di base, i social network possono diventare uno strumento concreto, efficace e gestibile alla portata da tutti. In fin dei conti si tratta del modo più veloce e immediato per promuovere la tua pagina aziendale, la tua pagina personale e proporre i tuoi prodotti ai clienti.

Ovviamente non sto parlando del tuo profilo personale, ma della difficoltà che molti utenti incontrano, quotidianamente, nello scrivere contenuti che possano piacere sulla propria pagina aziendale, sul proprio profilo pubblico o su una community. Contenuti che possano piacere ed essere condivisi, diventando così virali.

Virale è una parola che nella lingua italiana ha sicuramente molte sfaccettature, ma nel gergo dei Social significa sostanzialmente “condivisione” da parte degli utenti. Utenti che non si limitato a commentare, ma che decidono di ripostarli nelle proprie bacheche o nei gruppi in cui sono iscritti.

In questa breve  guida, questa è solo la prima puntata, cercherò di fornirti alcuni spunti – CONCRETI – su come riuscire a realizzare contenuti per ogni tipologia di attività, senza perdere mai di vista gli aspetti più divertenti e curiosi, che sono poi la base su cui si fondano i social. E per cui vengono maggiormente apprezzati dagli utenti.

 

QUANDO DEVO PUBBLICARE SUI SOCIAL?

 

L’utente medio è praticamente collegato a Facebook in ogni momento della giornata. Basta infatti avere una connessione attiva e uno smartphone e il gioco è quasi fatto. Anche perché le App inviano notifiche e aggiornamenti in modo costante. Ma è anche vero che per motivi di lavoro o motivi personali nessuno passa il suo tempo costantemente “attaccato” al telefonico o al computer, almeno che questa non sia il tuo lavoro.

Per questo è necessario andare ad intercettare la potenziale “fascia di interazione”, che in realtà è particolarmente attiva in alcune fasce specifiche della giornata. Sta a te riuscire a capire, con un po’ di attenzione e con un po’ di studio degli INSIGHTS (prendendo in esame i dati che Facebook ti mette a disposizione relativamente agli accessi alla tua pagina e ai post) quali siano le migliori fasce orarie in cui andare a pubblicare i tuoi contenuti. Ovviamente tutto cambia se decidi di sponsorizzare i tuoi contenuti a pagamento. E paradossalmente conoscere gli strumenti diventa ancora più importante per non buttare via denaro e tempo prezioso: in questo caso puoi settare una campagna continua o decidere la sponsorizzazione soltanto in delle fasce orarie. Considera tuttavia che l’algoritmo di Facebook non è “stupido”. In base al fuso orario in cui è settata la tua pagina o nell’area geografica in cui decidi di sponsorizzare il contenuto ti “salvaguardia” soprattutto nelle ore notturne: il tuo budget verrà salvaguardato soprattutto di notte.

 

La pagina con gli insight di Facebook che ti permette di conoscere in tempo reale tutte le statistiche della tua pagina.

La pagina con gli insight di Facebook che ti permette di conoscere in tempo reale tutte le statistiche della tua pagina.

 

QUALI SONO LE FASCE ORARIE MIGLIORI PER PUBBLICARE CONTENUTI?

 

È difficile dare delle certezza assolute, perché le eccezioni sono molte. Comunque ci proviamo. Molto dipende dalla tipologia della tua attività, dipende dal tuo pubblico di riferimento, dipende dal fatto se la tua attività abbia visibilità in più mercati e con fuso orari variabili. Nelle grandi città si registrano dei picchi nel momento in cui le persone utilizzano i mezzi pubblici per andare a lavoro di mattina, dopo magari una breve “occhiata” dopo il risveglio. Stesso discorso per  la pausa pranzo, specialmente per i pasti un po’ più informali, dove l’utilizzo dei social è un modo per  “evadere” dal lavoro. Ma come sappiamo bene anche l’orario del pranzo può variare da individuo ad individuo, determinando così un allargamento di questa fascia oraria che può arrivare addirittura al primo pomeriggio. Stesso discorso per il post cena: anche in questo caso c’è da considerare la variabile dei paesi anglosassoni. Si cena molto prima rispetto ai paesi latini. Ecco perché non esistono consigli generici e tutto si impara con l’esperienza e guardando i risultati.
Orario a parte, è comunque indispensabile che i contenuti siano in grado di unire divertimento, spirito di riflessione e che siano accattivanti anche in chiave commerciale. Del resto non devi mai perdere del tutto il tuo obiettivo finale: riuscire a farti conoscere, aumentare la tua reputazione, la tua fiducia e magari riuscire a vendere i tuoi  prodotti. Un lavoro che implica costanza e tanta fatica quotidiana. A questo punto di salutiamo e ti aspettiamo con la seconda puntata di “Social che passione #2”.

Se vuoi vedere una panoramica dei servizi che offriamo in ambito di Marketing e Comunicazione basta un semplice click! A presto!

Post suggeriti

Leave a Comment

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca